Come Creare Campagne Facebook di Successo in Pochi Step

Sai perché le campagne Facebook rappresentano un’opportunità di traffico che non vuoi perderti?

Facebook non ha certo bisogno di presentazioni. Non solo costituisce la piattaforma social in più rapida crescita, ma presenta innumerevoli vantaggi per promuovere prodotti o servizi online, soprattutto attraverso campagne di advertising ben mirate.

Con miliardi di utenti e pagine viste ogni giorno, Facebook è una destinazione più unica che rara per fare marketing online! Infatti, secondo gli studi del settore, “Più o meno 1 italiano su 2 […] usa Facebook” e solo qualche mese fa (ad Aprile 2020), l’Italia contava già 30 Milioni di iscritti!

E quindi? Perché investire in una campagna pubblicitaria su Facebook?

I vantaggi di investire in una campagna Facebook Ads possono essere riassunti in 4 semplici punti:

  1. Costo: Innanzitutto, Facebook è molto meno costoso di Google Ads! Spesso, per ottenere risultati, dovresti investire un budget considerabile per le Google Ads mentre con le campagne Facebook, potresti raggiungere il tuo pubblico target spendendo molto di meno.
  2. Viralità: Facebook è meno competitivo rispetto ad altre piattaforme. Quindi, un post oppure un’inserzione di qualità può essere condivisa tantissime volte nella rete.
  3. Target: Facebook è la piattaforma pubblicitaria più adatta per raggiungere il tuo pubblico di riferimento.
  4. Monitoraggio: Grazie alla possibilità di monitorare gli annunci che Facebook mette a disposizione, e possibile fare un’analisi approfondita del’andamento delle campagne Facebook passate oppure quelle attualmente in corso.

Detto ciò, vediamo insieme come si creano le campagne Facebook di successo e cosa fare per aumentare la visibilità del tuo brand, spendendo poco.

Come si differenziano le campagne Facebook dalle altre campagne pubblicitarie?

Prima di cominciare, è importante capire che lo stesso utente che, cliccando su un annuncio Google Ads, è spinto dalla ricerca di un servizio o prodotto. Invece, quando si trova su Facebook, sta navigando con un mindset completamente diverso.

La priorità degli utenti presenti sui social è guardare, commentare e condividere foto, novità e aggiornamenti di parenti, amici e perché no, di altre persone anche se sconosciute. Il che non significa che questi stessi utenti non siano interessati ad acquistare un prodotto, ma quando sono su Facebook, questo interesse è del tutto passivo e latente. La sfida quindi consiste nel risvegliarlo senza troppo rumore!

Cosa dovresti sapere prima di creare una campagna Facebook Ads?

Prima di entrare nel merito delle campagne di advertising su Facebook, ecco alcuni termini essenziali da conoscere:

  • Campagna: Una campagna contiene uno o più gruppi di annunci e gli annunci stessi. Sceglierai un obiettivo pubblicitario per ciascuna delle tue campagne.
  • Gruppo di inserzioni: Un gruppo di inserzioni può contenere uno o più annunci. Qui si possono definire il targeting, il budget, la pianificazione, le offerte e il posizionamento a livello di set di annunci.
  • Inserzione: Bene, questo termine non ha bisogno di molte spiegazioni… 
  • Pagina Facebook: il profilo pubblico creato da aziende, organizzazioni e chiunque cerchi di promuoversi pubblicamente attraverso i canali social media. Tieni presente che le pagine Facebook sono diverse dai profili e sono assolutamente essenziali per creare campagne Facebook!
  • Facebook Business Manager: strumento per la gestione dell’accesso a Pagine e account pubblicitari, orientato verso le aziende e che consente anche di concedere autorizzazioni diverse ad altre persone per la gestione delle campagne Facebook.
  • Pixel di Facebook: Il Pixel è un pezzo di codice che va installato sul tuo sito web. Consente di misurare, ottimizzare e costruire un pubblico per le tue campagne pubblicitarie.
  • Posizionamento: i posti in rete dove verranno visualizzate le unità pubblicitarie. Le opzioni includono Desktop e/o Mobile, Facebook Feed, Instagram Feed, Storie etc.
  • Impressioni: Metrica che rappresenta il numero di volte che un annuncio è stato visto da un utente.
  • Copertura: il numero di persone che hanno visto i tuoi annunci almeno una volta. Tieni presente che la copertura è diversa dalle impressioni, che possono includere più visualizzazioni dei tuoi annunci delle stesse persone.
  • Frequenza: il numero medio di volte in cui ogni persona ha visualizzato il tuo annuncio.
  • Click: il numero di clic sui link degli annunci.
  • CTR: abbreviazione per Click-Through Rate, è la percentuale di persone che ha cliccato sul tuo annuncio.
  • CPC: abbreviazione per Cost-per-Click, è il costo che un inserzionista deve pagare per ciascun visitatore che venga portato al sito tramite il click su un annuncio.

Conoscere questi termini di base può aiutarti a capire come creare le tue campagne o capire meglio i rapporti forniti dal tuo consulente social media.

Ma questo non è tutto! Attenzione!

Per poter creare una campagna Facebook Ads, bisogna leggere con attenzione il regolamento che Facebook mette a disposizione per gli utenti! Senza capire cosa puoi fare e cosa è assolutamente vietato di fare attraverso le inserzioni, è impossibile avviare una campagna pubblicitaria in quanto il sistema (oppure il team) di Facebook non ci pensa due volte prima di disabilitare il tuo account per non aver rispettato il regolamento. 

Bene! Ora che ci siamo fatti un’idea dei termini e regole essenziali da conoscere, vediamo quali sono gli step da seguire per creare campagne Facebook.

Step #1 – Crea la tua Campagna e seleziona il tuo obiettivo

Quando si crea una nuova campagna, Facebook consente di scegliere tra una serie di obiettivi che dovrebbero anche corrispondere ai tuoi obiettivi pubblicitari. Ad esempio, se stai cercando di indirizzare traffico verso il tuo sito web, utilizzeresti “Traffico” come obbiettivo. Insomma, a meno che tu non stia lanciando una campagna volta a sensibilizzare, educare o creare brand awareness attorno ad un marchio particolare, l’obiettivo primario delle tue campagne Facebook sarà convertire il traffico in iscrizioni e/o vendite.

A tal proposito: nella maggior parte dei casi, l’obiettivo non è aumentare il numero di fan. 1000 fan in più o in meno non andranno a fare la differenza… Conversioni e vendite invece sì.

Nota Bene. Alla luce di questo, non commettere l’errore di indirizzare il traffico sulla tua pagina Facebook. Anche se per ragioni specifiche vuoi incrementare il numero di fan, crea una Welcome Tab dove invitare i visitatori a cliccare su “Mi Piace” e modifica le impostazioni della tua landing page in modo tale che tutti i nuovi visitatori che vi arrivano (anche da traffico organico o siti referenti) atterrino proprio lì.

Detto ciò, ecco l’elenco completo degli obiettivi della campagne Facebook disponibili ad ora:

gestione-campagna-facebook

Step #2 – Conosci il tuo mercato di riferimento?

Uno dei vantaggi più grandi di Facebook è legato all’altissimo livello di specificità con cui puoi veicolare il tuo annuncio. Infatti, tra le prime cose da fare prima di cominciare una campagna di advertising a pagamento consiste nel conoscere con esattezza a chi ti rivolgi con i tuoi annunci. Più sono le informazioni che possiedi sulla tua target audience, maggiore sarà il livello di targetizzazione della tua campagna e dunque l’efficacia e il tasso di conversione del tuo annuncio.

Ecco alcuni preziosi dati demografici che ti aiuteranno a mirare correttamente il tuoi annunci (e che ogni inserzionista si troverà a gestire):

  • Zona geografica – Puoi indirizzare ogni annuncio Facebook a paesi o città diversi diversi se vuoi. Il targeting per posizione geografica può variare da paese, a stato, a città e addirittura a quartiere.
  • Età – Il nostro suggerimento è quello di optare per una fascia d’età più ampia possibile, a meno che la nicchia cui il tuo prodotto appartiene sia estremamente selezionata e rivolta a persone di una sola età specifica.
  • Interessi – Questo tipo di targeting è forse uno dei più potenti mezzi per raggiungere il tuo pubblico di destinazione con le campagne Facebook Ads. Purtroppo la piattaforma non dispone di un mezzo per individuare keyword, tuttavia la buona notizia è che mentre digiti le parole chiave che ti interessano, Facebook ti suggerisce una serie di termini sulla base di ciò che gli iscritti digitano sul social media. L’opzione Facebook targeting per parole chiave si basa su interessi e attività comuni, libri preferiti, TV, film, o titoli di posti di lavoro che gli utenti indicano nei loro profili. Infatti, il targeting per parole chiave offre un ottimo strumento utile agli inserzionisti per battere l’offerta della concorrenza alla propria azienda o la marca! Tanto per fare un esempio, immagina di voler promuovere il tuo nuovo sito sul turismo – quello che puoi fare è indirizzare i tuoi annunci a tutti gli utenti che hanno incluso tra i loro interessi parole chiave come Viaggio, Vacanze e simili, nei loro interessi del profilo.
  • …etc.

Suggerimento:
Se hai stabilito un targeting geografico piuttosto ristretto, mantieniti più largo sulla fascia d’età, e viceversa. Ogni volta che aggiunti una nuova opzione di targeting, sarai in grado di vedere, piu o meno, a quante persone ti stai indirizzando.

Naturalmente, questi non sono dati proposti in termini assoluti, ma senza dubbio offrono un’ottima base di partenza per capire che cosa scrivere nel tuo annuncio, che tipo di immagini utilizzare e come definire i destinatari della tua campagna.

gestione-campagna-facebook-targetizzata

Come si vede dall’immagine qui sopra, mentre “costruisci” il tuo pubblico, Facebook mostrerà la tua copertura stimata e ti dirà se il tuo pubblico è abbastanza grande o troppo piccolo. Qui puoi scegliere anche di creare un pubblico molto specifico da indirizzare nella tua campagna usando il tuo Pixel.

Sempre qui si possono definire il budget (con un minimo di 1 Euro /giorno), la pianificazione, le offerte e il posizionamento a livello di gruppo di annunci, ma impostare il pubblico di destinazione per le campagne Facebook è di importanza senza pari per i risultati finali della tua pubblicità!

Step #3 – Progetta la tua inserzione

Un annuncio su Facebook si compone di più parti:

  • Titolo
  • Testo Principale 
  • Descrizione
  • Immagine
  • URL di destinazione
  • Invito all’azione

gestione-campagne-facebook-ads

Come appare chiaro dalla foto presentata, l’impatto di un annuncio su Facebook dipende in larga misura dall’immagine che decidi di utilizzare. In altre parole, il successo di una campagna Facebook dipende anche da quanto questa immagine riesce ad attirare efficacemente l’attenzione dell’utente.

Vediamo allora qualche utile suggerimento pratico per migliorare (nell’ordine) immagine, titolo e corpo del testo del tuo annuncio.

Suggerimenti per creare campagne Facebook di successo

1. Guarda che cosa fa la concorrenza.

Mettiti nei panni dei tuoi utenti e modifica i tuoi interessi in linea con quelli dell’audience cui vuoi rivolgerti con il tuo annuncio. Naviga sui siti dei tuoi concorrenti e visita e loro pagine sui social. Vedrai che ti compariranno annunci che i concorrenti stanno utilizzando per un audience che ha espresso gli stessi interessi da te cercati ultimamente.

2. Utilizza immagini limpide e chiare ma allo stesso tempo naturali.

Fai spiccare l’immagine sullo sfondo dell’annuncio: puoi utilizzare una cornice di altro colore, oppure un’immagine dallo sfondo colorato e luminoso. Se utilizzi il tuo logo, assicurati di riempire tutto lo spazio disponibile per l’immagine. Se stai promuovendo un autore, uno speaker o una personalità di altro tipo, utilizza una sua fotografia in primo piano.  E se può aiutare, sulla base della nostra esperienza, foto troppo professionali spesso hanno un effetto contrario sull’utenza social.

3. Non utilizzare un titolo troppo lungo.

4. Aggiungi sempre la punteggiatura, specialmente il punto di domanda.

Siamo in estate. Supponi quindi di pubblicare un annuncio in cui proponi una nuova jogging routine per sbarazzarsi delle maniglie dell’amore. Ora invece che inserire un titolo quale ‘Corri con noi’ oppure ‘Allenamento’ e simili, puoi semplicemente chiedere: ‘Ti piace correre al’aperto?’ Leggendo una domanda, l’utente risponderà nella sua testa. Il che significa che avrai già attirato la sua attenzione anche se la risposta immediata è NO. E il tuo obiettivo a questo stadio è proprio questo: attirare la sua attenzione.

5. Mantieni il testo del tuo annuncio breve e conciso.

L’ideale è non andare oltre le 2-3 parole per frase. E magari punta a concludere con un incisivo invito a cliccare sull’annuncio (senza pero insistere troppo, in quanto Facebook potrebbe ‘arrabbiarsi’ e non approvare la tua inserzione)

Step #4 – Monitoraggio e organizzazione

Quando cominci una campagna, Facebook garantisce al tuo annuncio un elevato numero di impressioni. Ma se il CTR dei tuoi annunci è particolarmente basso, questo numero diminuisce tanto rapidamente quanto drasticamente.

Ora, tieni presente che il CTR di un annuncio piuttosto elevato i primi 2 giorni di vita dello stesso, in seguito tende naturalmente a diminuire. Questo perché l’inserzione tende ad essere ripetutamente mostrata alla stessa base di utenti.

Ed e per questo motivo che e molto importante tenere ad occhio l’andamento delle tue campagne Facebook!

La vita media di un annuncio potrebbe essere di 5-7 giorni, cosi come può essere di 2-3 settimane. In ogni caso, dopo un determinato arco di tempo, non bisogna cambiare subito l’annuncio completamente; ma si può provare a cambiare il titolo o l’immagine dell’inserzione, così da attirare l’attenzione di chi ha ignorato la versione precedente dell’annuncio.

Ma come si fa a sapere se una campagna Facebook continua a produrre risultati?

Quando cominci una campagna di pubblicità pagata su Facebook, si possono seguire 2 diversi approcci.

  1. Cominciare una campagna Ads con un solo annuncio che include tutte le aree geografiche, il range d’età, interessi degli utenti che ti interessa. Una volta che hai raggiunto un certo numeri di click, verifica quali aree geografiche, fasce d’età o interessi è bene utilizzare per targettizzare i tuoi prossimi annunci a lungo termine.
  2. Cominciare una campagna Ads con tanti annunci quante sono le necessità di targeting. Aspettare poi un po di giorni per scoprire quali sono gli annunci che producono risultati e mettere in pausa tutti gli altri.

Entrambi gli approcci sono validi. Per capire qual’è quello vincente per una nicchia, testarle entrambe può essere d’aiuto per capire meglio le conclusioni in rapporto al successo complessivo della campagna.

Conclusioni

Creare una campagna Facebook  richiede tempo, pazienza e impegno e di certo non è una cosa facile e purtroppo – ma allo stesso tempo, per fortuna! – Facebook Ads è in continua evoluzione. Quello che funziona con certezza oggi, potrebbe risultare obsoleto tra qualche mese… Bisogna quindi apprendere, approfondire, essere sempre curioso ma allo stesso tempo bisogna testare, modificare gli annunci in rapporto alle nuove esigenze e soprattutto cercare di essere sempre il più creativo possibile.

Detto ciò, non esitare a contattarci se hai dei dubbi su some creare campagne Facebook efficaci! Siamo sempre disponibili a rispondere alle tue domande e aiutarti a capire come sfruttare al meglio una campagna Facebook Ads per aumentare la consapevolezza del tuo brand e attirare più clienti per il tuo business.